"Con il Cuore nel nome di Francesco", anche Meta e Moro

Serata benefica dei frati del Sacro convento in diretta su Rai1

È giunto alla XVI edizione l’evento di solidarietà "Con il Cuore nel nome di Francesco" organizzato dai frati del Sacro Convento di Assisi. Quest’anno verranno aiutate strutture caritatevoli in Italia, nella Repubblica Centrafricana, in Zambia, in Madagascar e in Indonesia. Martedì 19 giugno alle 20.35 su Rai1 in diretta dal sagrato della Basilica di San Francesco d'Assisi ritorna la serata benefica, condotta da Carlo Conti, che da 16 anni aiuta e sostiene chi soffre e chi si trova in difficoltà. L'evento che unisce musica, cultura e spiritualità vedrà la partecipazione di artisti della musica italiana e testimoni di solidarietà e fraternità: Al Bano, Orietta Berti, Bianca Atzei, Edoardo Bennato, Red Canzian, Marco Carta, Coro dell’Antoniano, Nino Frassica, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Noemi e Ron.

Ogni anno i francescani organizzano una maratona di beneficenza e chiedono, a tutti gli uomini di buona volontà, un aiuto per le popolazioni più disagiate. Saranno sostenuti progetti che si occupino di poveri, di malati, di formazione scolastica e lavorativa nei luoghi dimenticati dal mondo.

Sarà possibile aiutare chi è in difficoltà donando dal 5 giugno al 5 luglio con SMS e con chiamate da rete fissa al 45515. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Coop Voce e Tiscali. Sarà di 5 euro anche per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa TWT, Convergenze e PosteMobile e di 5/10 euro da rete fissa TIM, Wind Tre, Fastweb, Vodafone e Tiscali.

Per maggiori informazioni e per sostenere i progetti visita il sito www.conilcuore.info

L’iniziativa benefica è promossa dal Sacro Convento di Assisi e dall’Istituto per il Credito Sportivo. Alla sua realizzazione hanno contribuito UniCredit Subito Casa, Poste Italiane, Auxilium e Diva International (Fria). La produzione del programma “Con il Cuore, nel nome di Francesco” è affidata alla Rai con il patrocinio morale della Regione Umbria, della Provincia di Perugia e del Comune di Assisi.


I PROGETTI

INDONESIA – SCUOLA MEDIA E SUPERIORE SATU PUTU

Il progetto prevede la costruzione di una struttura che possa educare ragazzi e ragazze che troppo spesso finiscono nel giro della droga, della criminalità, dell'alcool e del gioco d'azzardo. Una scuola che sia d'aiuto ai giovani, che non sono preparati ai pericoli della società, per crearsi un futuro ed essere istruiti.

REPUBBLICA CENTRAFRICANA – SCUOLA E CENTRO FORMATIVO BANGUI

Contribuire al completamento di un istituto, in una delle zone più povere del mondo, per offrire un polo di formazione umana, morale, spirituale e sociale. Insegnare a scrivere e leggere ai bambini delle elementari. Attività extra-scolastiche per ragazzi dagli 11 ai 17 anni e per ragazze madri alle quali verrà data la possibilità di imparare un mestiere come cucito, economia domestica, parrucchiere e dare una possibilità a queste donne di essere indipendenti economicamente e prendersi cura di loro stesse e dei loro bambini.


ITALIA – STRUTTURA CARITATEVOLE PERUGIA

Consolidamento e ricostruzione di uno spazio della Confraternita di San Giovanni Battista a Perugia per poter accogliere persone sole e famiglie in stato di povertà, senza distinzione di sesso, razza o religione. Ad essi verrà offerta la possibilità di usufruire di un posto letto, di una mensa e dei servizi doccia e lavanderia. La struttura permetterà inoltre di vivere momenti di aggregazione e di socialità, proporre incontri, spazi di condivisione e appuntamenti culturali.

MADAGASCAR - CENTRO POLIVALENTE DI SOSTEGNO E INSEGNAMENTO

Fornire aiuto alla comunità locale attraverso la creazione di un Centro Polivalente che possa essere un luogo sicuro dove poter chiedere aiuto, potersi formare scolasticamente e dove opereranno tecnici e assistenti sociali che si occuperanno di formazione e sostegno.

ZAMBIA - POLO SANITARIO A CHISAMBA

Sostenere il Rural Health Center, struttura sanitari che attualmente non riesce a soddisfare le richieste della popolazione, per fornire i seguenti servizi: anti-HIV e anti-malaria, punto nascite, clinica per mamme in attesa e per neonati, e centro di igiene dentale. L’ospedale è composto da varie strutture: uffici amministrativi, laboratorio, padiglione maschile, femminile e infantile, una clinica per donne incinte e per bambini sotto i cinque anni, un convento femminile e una piccola casa in cui vivono i frati.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA